Il 24 settembre 2017, la popolazione ticinese sarà chiamata a votare sulla modifica di legge della scuola che vuole introdurre una nuova materia di insegnamento, denominata Educazione civica, alla cittadinanza e alla democrazia, con un proprio testo e voto separati.
 
Diverse sono state le prese di posizione contrarie, tra cui quelle dell'ATIS, l'associazione ticinese degli insegnanti di storia e quella del Comitato per il NO a uno studio puramente nozionistico della civica. Sì a una vera educazione alla cittadinanza.
 
Sul sito www.cittadinanza.ch vengono spiegate le ragioni di questa scelta.

 

Condividi contenuti